mercoledì 17 giugno 2009

Su facebook non esiste alcuna privacy!

Da “Contro Facebook” di Tom Hodgkinson, The Guardian. Tr. Internazionale 29 febbraio ’08.


Mi sento solo nella mia battaglia. Facebook ha 59 milioni di utenti, Cinquantanove milioni di coglioni che hanno fornito dati anagrafici e preferenze d’acquisto ad un’azienda di cui non sanno niente. Ogni settimana si iscrivono al sito due milioni di persone: tra un anno Facebook avrà più di duecento milioni di utenti, se andrà avanti a questo ritmo. Ma il tasso di crescita è destinato ad accelerare.

Anche se il progetto è nato da un’idea di Mark Zuckerberg, il vero volto di Facebook è quello di Peter Thiel, investitore e filosofo futurista della Silicon Valley. Nel consiglio d’amministrazione di Facebook siedono solo tre persone: Thiel, Zuckerberg e Jim Breyer.

Nella silicon Valley molti considerano Thiel un genio libertario. E’ il fondatore e amministratore delegato di Paypal, che eBay ha comprato per 1,5 miliardi di dollari (a Thiel sono andati 55 milioni). Gestisce anche un hedge fund da tre miliardi di dollari, il Clarium Capital Management, e la società di venture capital Founders Fund. … Thiel ha fatto i soldi scommettendo sull’impennata dei prezzi del petrolio e sull’indebolimento del dollaro. Fortune ha ribattezzato lui e i suoi ricchi soci “the Paypal mafia”.

Thiel non è soltanto un capitalista abile e avido. E’ anche un filosofo futurista e neocon. Si è laureato in filosofia a Stanford e ha scritto a quattro mani The diversity mith, un libro che attacca l’ideologia libera e multiculturale della sua ex università. La tesi di fondo è che la cosiddetta “società multiculturale” porta ad una riduzione delle libertà individuali. Thiel è membro di Thevanguard.org, un gruppo neocon nato per contrastare Moveon.org, un’associazione progressista attiva sul web.

Ci si può fare un’idea più precisa della sua visione del mondo leggendo questo testo pubblicato sul sito: “Thevanguard.org è una comunità di americani convinti che i valori conservatori, il libero mercato ed un governo con funzioni ridotte al minimo siano i mezzi migliori per dare speranza e offrire opportunità a tutti, soprattutto ai più poveri”. L’obiettivo è “cambiare l’America e il mondo”. Thevanguard.org descrive la sua linea politica come “reaganiana/tatcheriana”. Così recita il messaggio di Martin sul sito: “Daremo a Moveon.org, a Hillary Clinton e ai mezzi di informazione di sinistra una lezione che neanche s’immaginano”.

Tra i più recenti finanziatori di Facebook c’è la Greylock Venture Capital, che ha investito 27,5 milioni di dollari. Uno dei suoi soci è Howard Cox. Cox è membro del consiglio di amministrazione di In-Q-Tel, il ramo della Cia che, come spiega il sito web dell’organizzazione, “individua e sostiene le imprese tecnologiche che sviluppano soluzioni utili a tutta la comunità dell’intelligence statunitense”.

Anche se non vi convince l’idea che Facebook sia un incrocio tra un’appendice del programma imperialista americano e un gigantesco strumento di raccolta di informazioni, non si può negare che dal punto di vista imprenditoriale sia un colpo di genio.

I creatori del sito non devono fare quasi niente. Se ne restano seduti mentre milioni di “Facebook-dipendenti” caricano spontaneamente dati anagrafici, fotografie e liste dei prodotti preferiti. Dopo aver costruito questo immenso database di esseri umani, Facebook non deve far altro che rivendere le informazioni agli inserzionisti.


E poi, cari utenti, avete letto la dichiarazione del sito sulla riservatezza dei dati? In sostana vi dice che la privacy non esiste. Facebook si dichiara a favore della libertà ma in realtà somiglia a un regime totalitario, virtuale e ideologicamente orientato…

22 commenti:

  1. io non ho un account personale su facebook
    è già troppo avere un blog...

    ;)

    RispondiElimina
  2. Almeno nel blog puoi esprimerti..su facebook ti fai i cazzi degli altri e non c'è pericolo che usino il cervello!! =)

    RispondiElimina
  3. si ma definire coglioni tutti gli utenti fb è esagerato....

    RispondiElimina
  4. oi oi esagerati troppo siete...

    RispondiElimina
  5. beh, allora diciamo che non è molto intelligente decidere di farsi schedare gratis...

    ricordo solo i numerosi casi di persone che hanno perso il lavoro grazie a fessbuc

    RispondiElimina
  6. Si infatti non è intelligente affatto..eppure la gente continua a farsi fregare e le pecore seguono il gregge!!

    RispondiElimina
  7. Beh diciamo che SR dice una marea di stronzate

    RispondiElimina
  8. ed ela pure,dato che siete convinti delle vostre stupide idee....adios gente che si inventa un nemico pubbliko (auhauhuahau un social network) ma baff.........

    RispondiElimina
  9. Che ignoranza che c'è al mondo..

    RispondiElimina
  10. Cos'è qualcuno si sente toccato??Come mai una persona si dovrebbe innervosire e difendere così tanto un social network??

    RispondiElimina
  11. Non è il difendere un social network, è soltanto difendere una propria visione, convinzione del mondo con le unghie e con i denti, il sentirsi dire la verità fa male, e queste sono delle reazioni. In un certo senso è come difendere il proprio aguzzino, il proprio stupratore. Neanche io uso facebook per non partecipare al programma di schedatura, anche se sono stato invitato più volte. Il servizio sarebbe ottimo, e se vivessi in un altro mondo lo userei. Ma come dico sempre citando Lenny Bruce: il mondo è quello che è non quello che dovrebbe essere.
    Non devi sentirti sola in questa come la chiami te "battaglia", come vedi ce n'è di persone che sono contrarie con motivazioni serie, e non per una ripicca tecnologica, anche se riprendendo il tuo post sull'amicizia, proprio per questo personalmente mi si è dato dell'arretrato se non di peggio.
    E' il meccanismo del dentro fuori che diceva sR sempre in quel post sull'amicizia. Ecco perchè è difficile poi ragionare con la propria testa, ma il discorso sarebbe lungo e mi fermo qui.
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Paolo già parla diversamente e lo rispetto di piu....gli altri hanno sicuramente un rancore nascosto e ragionano in tutt'altra maniera...io mi inkazzo xke non potete definire scemi o stupidi chi utilizza un social network.....

    RispondiElimina
  13. nessuno è stupido,che abbia un social network,che abbia un blog o che non abbia nemmeno la connessione su internet....nessuno,e voi non siete migliori degli altri,le definizioni scialbe,per cortesia lasciatele a casa e non usate parole a sproposito...

    RispondiElimina
  14. Io non ho definitoscemo o stupido nessuno..questo è un articolo e io l'ho presentato così com'è non ho cambiato nulla ne aggiunto nulla.ogniuno è libero delle proprie idee e con questi post non accuso nessuno..penso solo queste cose di chi lo usa impropriamente..e cmq ci sono stati dei problemi con facebook che nn so se sapete..come ad esempio serial killer che chiedono amicizie alle vittime per poi spiarle e ucciderle..o persone che si spacciano per altre quindi come al solito e tenendo il discorso non c'è privacy..succedono cose veramente inimmaginabili..non cel'ho con persone che lo usano bene e hanno solo amici che conoscono di persona..ma con la parte che lo usa per altro si..

    RispondiElimina
  15. come nooo???? dici che non definisci stupidi questi utenti però scrivi "Quanta ignoranza c'è al mondo"....problema di coerenza.....molto grande...

    RispondiElimina
  16. No ignoranza perchè non ti puoi difendere un social network in questo modo..al massimo ti difendi una persona..

    RispondiElimina
  17. Facciamo che chiudo qua il discorso xke come vedo dalla tua ultima risposta non hai capito nulla di ciò che ti stavo dicendo ed interpreti le mie riflessioni a tuo modo....

    RispondiElimina
  18. Se lo dici tu!!come al solito io non capisco te tu non capisci me!!Diciamo che non vuoi capirmi!

    RispondiElimina
  19. dai sta diventando un discorso personale chiudi qua tutto quanto....

    RispondiElimina
  20. No è così anche ora che non c'è nulla di personale..continui a essere testardo e solo in un mese 6 cambiato!!ma come mai......

    RispondiElimina